La Lazio
Dal 1900 orgoglio di Roma

campionati locali
1901   1902   1903  
1904   1905   1906  
1907   1908   1909  
1910   1911   1912  

campionati nazionali
1912   1913   1914  
1915   1916   1917  
1918   1919   1920  
1921   1922   1923  
1924   1925   1926  
1927   1928   1929  
1930   1931   1932  
1933   1934   1935  
1936   1937   1938  
1939   1940   1941  
1942   1943   1944  
1945   1946   1947  
1948   1949   1950  
1951   1952   1953  
1954   1955   1956  
1957   1958   1959  
1960   1961   1962  
1963   1964   1965  
1966   1967   1968  
1969   1970   1971  
1972   1973   1974  
1975   1976   1977  
1978   1979   1980  
1981   1982   1983  
1984   1985   1986  
1987   1988   1989  
1990   1991   1992  
1993   1994   1995  
1996   1997   1998  
1999   2000   2001  
2002   2003   2004  
2005   2006   2007  
2008   2009   2010  
2011   2012   2013  









Torna alla prima pagina (home page) Fondazione e Lazialità tutte le stagioni agonisteche della Lazio i derby prima dell'avvento della as roma 1927 i capocannonieri della Lazio I trofei vinti La Curva Nord ....ancora sulla Lazio

1999/00
Sede: Via S. Cornelia 14 - Formello - Roma
Stadio: Olimpico

Kit utilizzati nella stagione 1999/00



Varianti utilizzate
Stagione agonistica 1999/00

 

Campionato: SERIE A - CAMPIONE - qualificata in Champions
Coppa Italia: CAMPIONE
Coppa Europea: CHAMPIONS LEAGUE - quarti di finale

Vince lo scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa Europea. Vince il Torneo di Amsterdam


Staff dirigenziale e tecnico

 PRESIDENTE


S. Cragnotti
ALLENATORE


Eriksson

Presenze e reti nel campionato 1999/00

 PRESENZE


31 - Veron
30 - S. Conceiçao


RETI


12 - Salas
8 - Veron



stagione prima |  stagione dopo





IN ALTO I CUORI FIERI DI ESSERE LAZIALI
La Lazio
Il cielo per bandiera



Podio del Campionato

Lazio 72
Juventus 71
Milan 61

Stagione trionfale. A fine agosto la Lazio si aggiudica la Supercoppa Europea, battendo a Montecarlo gli Invincibili del Manchester United con un gol di Salas.
In campionato la Lazio parte bene, alle prime giornate l’avversario più temibile pare l’Inter. Poi il Milan, ma è la solita Juventus a volare in alto. Almeno fino a 8 giornate dalla fine, quando un calo fisico dei bianconeri, permette alla Lazio di recuperargli ben 9 punti, nonostante arbitraggi non proprio neutrali, anzi in alcuni casi scandalosi, come in occasione del gol di Cannavaro del Parma, annullato inspiegabilmente a Torino dall’arbitro De Santis. Comunque alla fine la Lazio festeggia il suo secondo scudetto. Ma la festa non è ancora finita, tre giorni dopo è prevista a Milano, la finale di ritorno di Coppa Italia contro l’Inter. La lazio all’andata vinse per 2 a 1. I giocatori biancocelesti si presentano al Meazza, ebri di gioia, ubriachi dai festeggiamenti e colorati nei loro look. 0 a 0 e “Double” a casa.
E’ anche l’anno del centenario, il 9 gennaio sfilano dalla nativa Piazza della Libertà, fino allo stadio Olimpico tutte le sezioni della Polisportiva, accompagnate da 30000 tifosi.
Stagione irripetibile, per tutti. Una sola piccola amarezza, la Lazio non va oltre i quarti di finale nella massima competizione Europea.