La Lazio
Dal 1900 orgoglio di Roma

campionati locali
1901   1902   1903  
1904   1905   1906  
1907   1908   1909  
1910   1911   1912  

campionati nazionali
1912   1913   1914  
1915   1916   1917  
1918   1919   1920  
1921   1922   1923  
1924   1925   1926  
1927   1928   1929  
1930   1931   1932  
1933   1934   1935  
1936   1937   1938  
1939   1940   1941  
1942   1943   1944  
1945   1946   1947  
1948   1949   1950  
1951   1952   1953  
1954   1955   1956  
1957   1958   1959  
1960   1961   1962  
1963   1964   1965  
1966   1967   1968  
1969   1970   1971  
1972   1973   1974  
1975   1976   1977  
1978   1979   1980  
1981   1982   1983  
1984   1985   1986  
1987   1988   1989  
1990   1991   1992  
1993   1994   1995  
1996   1997   1998  
1999   2000   2001  
2002   2003   2004  
2005   2006   2007  
2008   2009   2010  
2011   2012   2013  









Torna alla prima pagina (home page) Fondazione e Lazialità tutte le stagioni agonisteche della Lazio i derby prima dell'avvento della as roma 1927 i capocannonieri della Lazio I trofei vinti La Curva Nord ....ancora sulla Lazio

1986/87
Sede: Via Col di Lana 8 - Roma
Stadio: Olimpico

Kit utilizzati nella stagione 1986/87


Varianti utilizzate
Stagione agonistica 1986/87

 

Campionato: SERIE B - 15^
Coppa Italia: ottavi di finale


La Lazio parte da -9. Si salva dalla serie C dopo gli spareggi con Taranto e Campobasso


Staff dirigenziale e tecnico

 PRESIDENTE


G. Calleri
ALLENATORE


Fascetti

Presenze e reti nel campionato 1986/87

 PRESENZE


40 - Caso, Pin e Terraneo
39 - Acerbis


RETI


7 - Fiorini
6 - Mandelli



stagione prima |  stagione dopo





IN ALTO I CUORI FIERI DI ESSERE LAZIALI
La Lazio
Il cielo per bandiera



Podio del Campionato

Napoli 42
Juventus 39
Inter 38

L’estate è tutta incentrata sul processo del secondo scandalo scommesse. La Lazio viene retrocessa in Serie C, per poi in appello essere penalizzata di nove punti in B. La vittoria portava ancora due punti, per salvarsi in un campionato equilibratissimo come quello cadetto, serve l’impresa. L’allenatore è il mitico Eugenio Fascetti che riesce a motivare tutto il gruppo. La partenza non è delle migliori, pareggio a Parma e sconfitta in casa con il Messina. E’ come aver avuto una penalizzazione più pesante con due giornate in meno per recuperare.
Poi la squadra comincia a girare, tanto che a metà del girone di ritorno si potrebbe sperare addirittura in un’epica promozione in Serie A. Poi arriva un calo fisico e forse anche psicologico; l’ultima giornata è fondamentale per non retrocedere. Le squadre in lotta per la salvezza sono nove, impossibile fare calcoli occorre solo vincere. La Lazio in un Olimpico stracolmo, ospita il Vicenza anch’essa in lotta per evitare la C. Il risultato non si sblocca, dalla combinazione dei risultati che si stanno susseguendo sugli altri campi, il pareggio non basta per evitare il terz’ultimo posto. Poi a sei minuti dal termine Giuliano Fiorini sblocca il risultato, l’Olimpico diventa una bolgia di urla, pianti e sirene di ambulanze. Ma conti alla mano, ancora non è finita, per definire l’ultima squadra da retrocedere, occorre spareggiare in un torneo a tre con Taranto e Campobasso.
Gli spareggi si svolgono a Napoli, la Lazio sarà accompagnata da tutto il popolo Laziale. La prima è col Taranto dove un gol irregolare dei pugliesi affonda la Lazio. Successivamente il pareggio tra il Taranto ed il Campobasso, costringe la Lazio a battere i molisani. Ci pensa Fabio Poli di testa a consegnare questa stagione alla storia biancoceleste.
Come se non bastasse a 75 anni muore anche il grande Presidente Umberto Lenzini.