La Lazio
Dal 1900 orgoglio di Roma











Torna alla prima pagina (home page) Fondazione e Lazialità tutte le stagioni agonisteche della Lazio i derby prima dell'avvento della as roma 1927 i capocannonieri della Lazio I trofei vinti La Curva Nord ....ancora sulla Lazio


GIUSEPPE (Beppe) SIGNORI


Nato ad Alzano Lombardo in provincia di Bergamo il 17 febbraio del 1968, alto 1.71 m per un peso forma di circa 68 kg.
Ha esordito con la Lazio nel secondo turno della Coppa Italia del 1992/93 vincendo e realizzando un gol nel 4 a 0 all'Ascoli
Il suo biglietto da visita è il gol: 127 reti (107 in campionato) in 195 incontri tra il 1992 e il 1997 ne fanno il cannoniere-principe in maglia biancoceleste, dopo l'irraggiungibile Piola (con 159 reti).
Bergamasco di Alzano (dove nasce il 17 febbraio 1968), arriva alla Lazio dal Foggia nell'estate del 1992. Nella squadra rossonera si impone come realizzatore di razza, affiancato da Rambaudi e Baiano in attacco ma, soprattutto, allenato da Zeman (il quale lo raggiungerà a Roma due anni dopo). Ha già guadagnato la Nazionale quando la Lazio lo acquista, coll'intento di sostituire un beniamino dei tifosi come Ruben Sosa.
Signori non si fa pregare, ed inizia a mitragliare le porte avversarie. Brevilineo, velocissimo e dotato di un sinistro al fulmicotone, nel primo anno di Lazio è già capocannoniere, con 26 reti, per poi bissare l'anno successivo, con 23 gol. Le imprese in maglia biancoceleste gli valgono la convocazione in Nazionale per i mondiali statunitensi. L'avventura americana è travagliata: Signori si adatta, pur di giocare, a ruoli che poco gli si confanno, dato che il C.T. Sacchi preferisce puntare sulla coppia Casiraghi-Baggio. Al punto che, nella finalissima, è lo stesso giocatore a chiedere di non essere schierato, piuttosto che giocare come centrocampista. Il rapporto con la Lazio rischia di chiudersi nell'estate del 1995, quando il presidente Cragnotti cede il giocatore al Parma. Una vera e propria rivolta popolare impedisce la cessione, provocando le ire del presidente, che minaccia di lasciare. Signori ripaga i tifosi col terzo titolo di capocannoniere, nel 95/96, alla pari con Protti (che verrà acquistato proprio dalla Lazio l'anno successivo).
La carriera in biancoceleste di Signori si chiude nel dicembre 1997, a causa del rapporto conflittuale con il nuovo tecnico Eriksson, che gli preferisce spesso Mancini e Casiraghi come punte. Il casus belli è la mancata entrata di Signori a Vienna, durante un incontro di Coppa UEFA. Il tecnico lo fa scaldare nella ripresa, ma ad un certo punto Mancini, che doveva essere il giocatore sostituito, si fa espellere, ed Eriksson lo fa sedere nuovamente in panchina. Beppe prende questa mancata entrata come un affronto, e a fine partita sbotta contro il tecnico, la cessione è inevitabile. (da www.laziocity.it)
Albo d'oro con la Lazio: 1 Coppa Italia e 3 titoli dei cannonieri.

Ruolino con la Lazio dal 1992/93 al 1997/98

Campionato Coppa Italia Coppe Europee TOTALE
Giocate Gol Giocate Gol Giocate Gol Giocate Gol
152 107 24 17 19 3 195 127


           





La Lazio
Il cielo per bandiera



La carriera di Giuseppe Signori
Anno Squadra S. Pr. Gol
84/85 Leffe In   8   5
85/86 Leffe C2   3 13
86/87 Piacenza C1 14   1
87/88 Trento C1 31   3
88/89 Piacenza B 32   5
89/90 Foggia B 34 14
90/91 Foggia B 34 11
91/92 Foggia A 32 11
92/93 Lazio A 32 26
93/94 Lazio A 24 23
94/95 Lazio A 27 17
95/96 Lazio A 31 24
96/97 Lazio A 32 15
97/98 Lazio A 6   2
nov97 Sampdor A 17   3
98/99 Bologna A 28 15
99/00 Bologna A 31 15
00/01 Bologna A 23 16
01/02 Bologna A 14   3
02/03 Bologna A 24 12
03/04 Bologna A 23   6
04/05 Iraklis (Gre) A   5   0