La Lazio
Dal 1900 orgoglio di Roma












Torna alla prima pagina (home page) Fondazione e Lazialità tutte le stagioni agonisteche della Lazio i derby prima dell'avvento della as roma 1927 i capocannonieri della Lazio I trofei vinti La Curva Nord ....ancora sulla Lazio

COPPA ITALIA 2008/09


Primo trofeo per la Lazio di Lotito, vince la Coppa Italia 2008/09. Al contrario del campionato dove la Lazio ha un cammino altalenante, nella coppa nazionale i biancocelesti sono una tritasassi, 7 partite 7 vittorie.
L'avventura comincia presto, essendosi piazzata indietro nel campionato scorso, la Lazio è costretta a due turni prelimanari. La prima parte del torneo è caratterizzata da un grande Goran Pandev che alla fine si aggiudicherà classifica cannonieri della competizione con sei gol. Nella parte finale è invece Maurito Zarate a trascinare i compagni alla vittoria, che si concretizzerà con con i calci di rigore nella finale contro la Sampdoria, protagonista assoluto il portierino Muslera.

Terzo turno - Lazio vs Benevento

Fine agosto, la Lazio comincia l'avventura dal terzo turno preliminare. L'avversario è il Benevento buona squadra della terza serie nazionale. al 9° la Lazio è già in vantaggio con un'autorete di un difensore campano. Poi chiude sul 2 a 0 il primo tempo con Meghni. Sembra tutto facile ma il Benevento seguito da molti tifosi non ha intezione di fare solo la comparsa. Ad inizio di secondo tempo accorcia le distanze, poi rischia addiritura di pareggiare.
Nel momento più critico della partita, il Benevento subisce un'altra autorete che questa volta spiana la strada alla Lazio, una doppietta di Pandev serve la cinquina ai volenterosi campani.

Goran Pandev

Quarto turno - Lazio vs Atalanta


Ledesma combatte
Il tabellone propone la sfida con i bergamaschi in casa. Delio Rossi fa tournover. Al 17° Ledesma su calcio di punizione sblocca il risultato. La partita, seppur aperta fino a quasi lo scadere, vede una buona supremazia laziale. Sale in cattedra Zarate, slalom su slalom, avversari saltati come birilli. In una di queste azioni, dopo aver seminato un numero imprecisato di avversari, coglie la traversa da fuori area, se fosse stato gol sarebbe stato un colpo alla Maradona.

A 20 minuti dalla fine Rossi sostituisce proprio Zarate con Pandev che all'83° mette al sicuro il risultato, sfruttando un assist di Simone Inzaghi, subentrato all'oggetto misterioso Makinwa. 2 a 0.
Ottavi di finale - Lazio vs Milan

Agli ottavi di finale è la volta del Milan, va affrontato in casa sua in una partita secca, l'impresa sembra impossibile.
La Lazio gioca bene meriterebbe più dei rossoneri. La trama di gioca è veloce e fluida, ma purtroppo sterile. Poi come sempre avviene quando gioca contro di noi, Shevchenko si esalta, a circa 10 minuti dalla fine rasoiata dal limite dell'area e Milan in vantaggio. E' una maledizione, ma la Lazio non si scoraggia e continua a macinare gioco, a 4 dal termine l'ex capitano della Lazio Giuseppe Favalli, atterra Pandev in area, calcio di rigore. Zarate va sul dischetto e non sbaglia, si va ai supplementari. Continua il monologo della Lazio, tiro di Pandev paratona di Dida, la palla va sui piedi di Zarate ma Ambrosini salva sulla linea, il pallone però torna ancor a Pandev piatto ad alzare e la palla s'insacca sotto la traversa. 1 a 2, la Lazio è nei quarti di finale.

Zarate pareggia su rigore

Pandev e Foggia festeggiano il 2 a 1

Quarti di finale - Lazio vs Torino



Tommaso Rocchi

Ancora una sfida "secca" per il passaggio del turno, il tabellone dice Lazio in casa. Seppur favoriti ed in un buon periodo di forma, il primo tempo della Lazio è da dimenticare. Non c'è gioco, la squadra è spenta, ferma sulle gambe. Alla mezz'ora il Torino passa inevitabilmente in vantaggio. Non c'è reazione, si chiude la prima frazione di gioco con i fischi del pubblico ad accompagnare il rientro dei giocatori negli spogliatoi.
Secondo tempo, entra Pandev al posto di Foggia. Al 4° minuto il macedone pareggia superando il portiere torinista in uscita. E' un'altra Lazio, ora gioca e crea occasioni, dopo 6 minuti dal pareggio, Mauri fa esplodere il suo sinistro da fuori area ed è il 2 a 1. Poi nel finale è la volta di Rocchi che scambia con Pandev e porta il risultato sul definitivo 3 a 1.

Semifinale - Lazio vs Juventus

In semifinale la Lazio incontra la Juventus, è l'unico turno con partite di andata e ritorno, la prima è a Roma. La Lazio non ha un buon approccio alla partita, i bianconeri spingono, hanno più grinta. Al 34° la Juventus passa in vantaggio con il tifoso Laziale Marchionni, aiutato da una deviazione in porta di Kolarov. A questo punto la Lazio si sveglia e sfiora il pareggio in un paio di occasioni, ma il portiere bianconero fa i miracoli.
Nel secondo tempo cambia totalmente il registro, è un monologo Lazio che sfiora ripetutamente il gol; questo arriva al 20° con un girata in porta di Pandev, poi dopo 13 minuti Matuzalem imbecca in profondità Rocchi che sigla il 2 a 1. Nel finale la Lazio sfiora in un paio di altre occasioni il terzo gol. Ora appuntamento a Torino.

   
  La girata di Pandev                       Il tifo Laziale                                Le sportellate di Rocchi

Sono passati quasi due mesi dalla partita di andata, a Torino la Lazio imposta una partita attenta, ma non chiusa in difesa. La Juventus non riesce ad imporre il suo gioco, la Lazio controlla bene. Al 38° del primo tempo Zarate prende palla a sinistra, semina gli avversari a rientrare, alza gli occhi, prende la mira e con un tiro a girare infila Buffon con un gol degno dei migliori fuoriclasse mondiali.
Secondo tempo, La Juve tenta il tutto per tutto, ma al 7° Kolarov fa esplodere il suo sinistro, il tiro viene leggermente deviato da un difensore bianconero ed è il 2 a 0. L'orgoglio Juve serve solo per rendere meno netto il risultato, Muslera è in forma e chiude la porta Laziale, fino al gol della bandiera di Del Piero.
La Lazio elimina la Juventus con un doppio 2 a 1 e si giocherà la finale in casa all'Olimpico.
   
  Zarate a braccia larghe                 Festa sotto la bandiera                  Qualificazione al sicuro

Finale - Lazio vs Sampdoria

Roma 13 maggio 2009, ultimo atto dell'edizione 2008/09 della Coppa Italia. Da due anni la sede per la finale della coppa nazionale è l'Olimpico di Roma; con la Lazio è giunta all'appuntamento la Sampdoria di Mazzarri che in semifinale è stata capace di eliminare l'Inter di Mourinho.
Il colpo d'occhio è stupendo 50000 Laziali e 18000 doriani riempiono lo stadio, dando spettacolo sugli spalti con colori e cori incessanti.
La Lazio è priva di Matuzalem squalificato, Pandev e Foggia sono forzatamente recuperati da infortuni, anche Dabo e Brocchi non stanno bene. La Lazio però parte con il piede giusto, al quarto minuto Zarate prende la palla ai venti metri sulla sinistra, solita semina di avversari e tiro a girare di destro, ormai un classico per lui, la rete si gonfia Lazio 1 Sampdoria 0. Al 27° bomba di Kolarov, Castellazzi non trattiene piomba sulla palla Pandev ma spreca incredibilmente sul portiere. La legge del calcio non tarda a chiedere il suo conto, gol mangiato, gol subito. Bello il gol di Pazzini che gira di testa, un assist anch'esso di testa di Stankevicius. Il primo tempo si chiude sull'1 a 1.
La Lazio cerca il gioco ma fatica ad imporlo, la Samp è più operaia, gioca coperta e spesso ricorre alle maniere dure pur di frenare le giocate dei biancocelesti.

Gente Laziale

Zarate gol

Gli abbracci
Il secondo tempo anche se avaro di emozioni, è di marca Laziale. Escono: Brocchi esausto, Pandev ancora non al meglio e Foggia in preda ai crampi. I 90 minuti si chiudono sull'1 a 1. Nei supplementari le squadre sono stanche, non succede nulla, si va quindi ai calci di rigore.
A questo punto sale in cattedra Muslera che para due rigori, prima a Cassano e poi Campagnaro. Per la Lazio un solo errore quello di Rocchi. Va a battere l'ultimo rigore Dabo, stremato dalla sua buona prova...... tiro GOOOOOOL! La Lazio vince per la quinta volta la Coppa Italia.

 Muslera si prepara per i rigori        Dabo segna l'ultimo rigore e poi... si prende la Cappotta

 Muslera meritatamente festeggiato Delio Rossi e la sua Coppa           Dabo mostra la Coppa ai tifosi
Il cammino della Lazio

Lazio - Benevento
5-1
Meghni Pandev(2) autorete(2)

Lazio - Atalanta

2-0

Ledesma Pandev

Milan - Lazio

1-2

Zarate Pandev

Lazio - Torino

3-1

Pandev Mauri Rocchi

Lazio - Juventus

2-1

Pandev Rocchi
Juventus - Lazio 1-2 Zarate Kolarov

Lazio - Sampdoria

1-1

Zarate
  7-6 dcr  





La Lazio
Il cielo per bandiera



Vittorie nella Coppa Italia

1  Juventus 9
   Roma 9
3  Inter 7
4  Fiorentina 6
   Lazio 6
6  Torino 5
   Milan 5
   Napoli 5
9  Sampdoria 4
10  Parma 3
11  Bologna 2
12  Venezia 1
   Atalanta 1
   Vicenza 1
   Vado 1